Blog: http://Notes-bloc.ilcannocchiale.it

2005: dal 2 Gennaio al ... 7 Dicembre (pagg.9)

Caro papà,

oggi, è il 7 Dicembre, … sì, è vero …una data come tante altre! Io … continuo a vivere nel mondo delle … parole, quelle senza alcun senso, … ricordi? Sì, quelle che, a volte, fanno sorridere e quelle che, … altre volte, rattristano; … e … Tu? Vi sono anche lì … dove sei Tu … le parole? Sai, qui da noi tutti parlano e … quasi nessuno ascolta né sembra far nulla di buono, … proprio nulla. A volte, qui da noi ci si illude … che le parole possano servire a qualcosa. Invece, no, … esse non servono proprio a nulla! Io o … altri, a volte, parlo/… parlano ma le parole si perdono …! Nessuna risposta, infatti, arriva, … ritorna! E … non si sa, se … le parole abbiano percorso la via che si voleva, né … se …, chi avrebbe dovuto riceverle …, le abbia mai accolte, recepite e …, nell’eventualità le avesse colte, non si sa il perché … non risponda. Non sappiamo nulla, insomma … qui da noi, e al punto che, … certe volte, non ci rendiamo neppure conto se … abbiamo parlato e lanciate le … parole stesse. Eppure, v’è un gran trambusto, frammisto a frastuono, confusione e … interventi … oh quanti interventi ... che vengono, per lo più, … ascoltati … soltanto da chi li … emette e dagli … inetti che  fanno da “specchio” al retore di turno. Gli altri? Non so proprio che cosa … facciano! Non so neppure, se … pensino! Costoro dicono di … vivere! Ma io non so più cosa possa significare tal  forma di … vita. Tu, lì dove sei … riesci a comunicare, … riesci a dialogare, … finalmente? Che fai, lì dove sei, … papà! Parlate? E …, se parlate … di che parlate? E v’è qualcuno che t’/v’ascolta? E le parole producono l’effetto … voluto, … desiderato?  Non rispondi, … papà, … neppure Tu mi rispondi? Ah, già, … Tu hai lasciato il Tuo corpo qui da noi ed esso si va … consumando … col tempo …! Come, papà? Non Ti sento più, … papà! Le parole non sono … con voi? … Ricordo ancora quella notte, quando, svegliandoTi e chiedendomi di porgerTi i Tuoi occhiali, … mi dicesti: “guarda, I., … che bello il giardino del nonno, … le palme, gli alberi da frutto, le vigne … quasi sul mare …! Quant’è … bello ...", mi dicevi! Ma che vedevi, papà, riflesso su quella parete bianca d’ospedale …? Eran semplici parole … le Tue? O altro …, papà? … Ah, sai? Rita non ha promesso nulla ai Siciliani e … Loro? Sì, … Le hanno dato fiducia. Ha fatto ben a non parlar … inutilmente … la Rita,  … del  Magistrato trucidato … sorella e … della Sicilia martoriata … speranza! Sai, infatti, … in quella che un dì era … Conca dorata, senza parlar …, senza parol proferir … che cosa la gente ... diceva in giro? "... La Rita che non promette nulla ... contro chi del Poter è rappresentanza?  ... Quale possibilità"? Così dicevano ... ed aggiungevano: “E’ impossibile che …, no, ... non può fidarsi di ... quei poveracci che La sostengono …, cederà alle poche margheritine strappate da tappeto colorato e prima profumato”! E … nel mentre …del  popolo le voci ... mute, sì, … s’udivan e … dappertutto: "Rita è … Benevol  Nom … degli impossibili"! …

Ciao, papà, … io so o, meglio, … voglio … illuder me stesso che Tu possa riuscir ad ascoltar … le mie parol  … mute, sì, ... per gli altri, ma certamente ... non per … Te …
                                                                          Ignazio
Palermo, 7 Dicembre 2005

Pubblicato il 7/12/2005 alle 18.7 nella rubrica Caro papà, ....

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web