Blog: http://Notes-bloc.ilcannocchiale.it

Una Poesia ... dai colori grigi. III,21.

21. [07.03.06 09:33:55 III,21. E vide se stesso come allontanarsi veloce e diventare un … puntino … in un incommensurabile grigio …] Stava ancora seduto sulla seggiola, … / gli occhi chiusi, / il capo … riverso all’indietro, / quando sentì che qualcosa si muoveva … nei pressi … / sul tavolino quadrato da bar, / il cui piano d’appoggio ... / un po’ marcio nelle sue bacchette / inchiodate con ferro … / oramai arrugginito! / Sì, avvertì che qualcosa si muoveva / o era mosso … / come se fosse … rumore di carte da gioco, / antiche … e un po’ corrose / ma rigide ancora … che … dal dorso rivoltandosi, / aperti appena gli occhi, / ei vide che… mostravano strane figure … / tinteggiate da colori accesi … / e a guidar tal rumore sordo / … due manine di fanciulla, / di cui il volto … non si mostrava, / perché coperto … da lunghi capelli e d’una tinta strana. / Aprì di più gli occhi, allora, quegli, / e li sgranò … per veder meglio … / e voltò il suo corpo da sulla seggiola, / prima a destra e, poi, a manca … / e s’accorse che non v’era più … colui / che prima v’era e … lo cercava quegli / e … dimenticò quasi colei che … però gli disse, / tirando fuor tra sue mammelle / un foglietto … più volte su stesso ripiegato: / “leggi … e rispondi a tal domande, / perch’io voglio saper … chi tu sei”! / Lui non rispose, / sfiorò la man di quella e si trovò … tra sua … foglietto stropicciato … / che dispiegò più volte e, poi, / quasi … stirò con l’altra mano e … lesse; / poi, alzò lo sguardo su di lei, / quasi a cercarne sue luci, / ma i di lei capelli … muro tra lei e lui! / Portò sua mano quasi a sfiorarli, / ma … quella disse: / “or che hai letto ciò che ti si chiede, / scrivi, …completa”! / “Perché?” lui avrebbe voluto dir, / ma nulla disse e … scrisse, / non comprendendo chi altri / gli avesse messo tra sue dita / quel lapis un dì … perduto. / Scrisse … senza pensar neppure un attimo / e, poi, lasciò … appesantito da sua scrittura … quel foglietto che / prima gli era apparso vestito … sol d’una sua propria … leggerezza. / Lei lo raccolse, / non lo lesse … lo ripiegò / e lo risistemò dov’era stato prima … ma più leggero … / raccolse le sue carte, / le ficcò in una tasca d’un telo ch’avvolgeva stretto il corpo suo, / s’alzò e … andò via. / Lui voleva fermarla, ma chiuse gli occhi invece / e … riversò di nuovo il capo non più, però, indietro … / sulla seggiola, ma … innanzi / e rilesse nel pensiero suo quel ch’avea scritto … / accostato ad una serie di domande che avrebbero potuto far … scoprir a lei l’animo suo: / 1) NOME: X / 2) SOPRANNOME: Mister X / 3) ALTEZZA: l'ultima volta che mi son misurato ero x, yz; adesso, sarò x,yy oppur x,zy / 4) COLORE DI CAPELLI: quello che vedo riflesso sullo Specchio / 5) NUMERO DI SCARPE: quello che vien riconosciuto dai miei piedi / 6) CON QUANTE PERSONE VIVI: da solo insieme ad altri / 7) CHE LIBRO STAI LEGGENDO ATTUALMENTE: uno di … / 8) COSA C'E' SUL TUO TAPPETINO MOUSE: una stilografica, il mouse, una carta di credito / 9) IN MACCHINA COSA C'E'APPESO AL RETROVISORE: nulla / 10) ODORE PREFERITO: zagara / 11) SUONO PREFERITO: il sorriso e la risata allegra di una donna / 12) MUSICA CHE ASCOLTI: quella che riesce a toccarmi nel più profondo mio esistere / 13) PEGGIORE SENSAZIONE AL MONDO: essere abbandonato per sempre / 14) TI PIACE CUCINARE: non l'ho mai fatto, ma penso che mi piacerebbe / 15) COLORE PREFERITO: da un po' di tempo in qua nessun colore / 16) UN OGGETTO A CUI SEI PARTICOLARMENTE LEGATO: non lo dirò mai a nessuno, ma posso dir che … sembra viva / 17) SE VINCESSI UN MILIONE DI EURO: non li vincerò mai, ma se li vincessi non saprei che farmene / 18) LA COSA PIU' BELLA: amare e, quindi, essere amati / 19) COS' E' LA PRIMA COSA A CUI PENSI LA MATTINA: si Ricomincia / 20) MONTAGNE RUSSE: mi fanno venire il voltastomaco / 21) QUANTI SQUILLI DEL TELEFONO PRIMA DI RISPONDERE: non risponderei mai, ma rispondo sempre / 22) NOME DELLA TUA PROSSIMA FIGLIA FEMMINA: se dovessi avere un'altra figlia la chiamerei, ma lei … non mi sentirebbe / 23) CIBO PREFERITO: non ricordo / 24) CIOCCOLATO O VANIGLIA: fragola e frutti di Bosco / 25) DORMI CON UN ANIMALE DI PEZZA?: no ... abbracciato al mio cuscino / 26) SEGNO ZODIACALE: il mio / 27) POTESSI SCEGLIERE UN LAVORO CHE TI PIACE, QUALE SAREBBE? mi dispiace molto di non aver svolto la professione del …… / 28) SE TI POTESSI TINGERE I CAPELLI CHE COLORE: non ci penso neppure / 29) IL BICCHIERE E' MEZZO PIENO O MEZZO VUOTO: per metà è pieno e per metà è vuoto / 30) FILM PREFERITO: tutti quelli che mi emozionano. Ma è da tempo che non ne vedo / 31) SULLA TASTIERA, SCHIACCI I TASTI GIUSTI: quasi Sempre / 32) SPORT PREFERITO DA GUARDARE: mi piaceva il Calcio / 33) CHI DEGLI AMICI TI SCRIVE SPESSO: nessuno! Non ho amici / 34) MARE O MONTAGNA: una volta, il mare! Adesso, la Collina / 35) IL TUO MIGLIOR PREGIO: nessuno / 36) IL TUO PEGGIOR DIFETTO: non ne ho idea / 37) HAI AMICI O AMICHE: no / 38) QUANTI AMICI CONSIDERI REALMENTE TALI: evidentemente, nessuno / 39) LA FRASE CHE TI IDENTIFICA: vorrei, ... ma son sicuro che nulla accadrà / 40) DI’ QUALCOSA A CHI TI HA PROPOSTO TALI DOMANDE: lo sai già / 41) QUANTE PERSONE CREDI CHE VORRANNO SAPERE ALTRO DI TE: nessuna e nessuna mi Leggerà / 42) TI VUOI DAVVERO BENE: che significa!? / E … rimase col capo chino! / Poi sentì una mano che gli accarezzava i capelli, / ma quegli non abbandonò sua postura … / avrebbe voluto, ma … forse sapeva che / nessuna mano avrebbe mai scorto tra i suoi capelli / e rimase lì, fermo … forse, a pensare … / e a voler continuar a sentir lo scivolar di quella … tra i suoi capelli / … mentre scavava con lo sguardo del suo pensiero / tra quei lunghi capelli di donna appena andata via … / e non riusciva a spostarne neppure un fil … d’essi … / col suo pensier … come se / fossero statici e senza tempo … / intoccabili o … irraggiungibili … / … Un sol colpo di vento, poi … breve e unico / e … un pezzetto di carta con su scritto e visibile ai suoi occhi / … d’un tratto aperti: / “a te che mi sei come unica foglia verde d’inverno. / Ti amo, tua e sempre B.”. / E vide se stesso come allontanarsi veloce / e diventare un … puntino … / in un incommensurabile grigio … / come se telecamera riportasse indietro … e rapida … suo zoom. / E ciò, … perché una “lei” … e forse … proprio Lei … / appena comparsa era già andata via, / mentre bianco batuffolino or gli giungeva … / portato dal vento su minuscolo tappeto volante che prima / era altro ed or rettangolino di carta, … / Sì, portata … quell’altra … da quel / solito vento che spazza e … va via, / lasciando sempre … però … frammenti ancor vivi / di rosa da esso divelta

Pubblicato il 23/11/2014 alle 15.56 nella rubrica Dal mio cassetto.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web