Blog: http://Notes-bloc.ilcannocchiale.it

Una Poesia ... dai colori grigi. III,26.

26. [03.06.06, ore 15:21:39 ... da un uomo che non sa più cosa dire, perché sa che ...] Quegli era rimasto lì … / ma le giornate … trascorrevano ugualmente, / mentr’egli continuava a pensare: / “Dolce e incantevole mia Audrey, / luce delle mie tenebre! / Sai, tra me e me mi chiedo: … / ma come farà Lei a resistere ... / alle tentazioni dei richiami di un ... / come si dice … come si chiama … ah, sì / … di un "amico" ... che ... pena! / Devo comunicare con Te, lo farò, adesso, / mentre cammino sotto il sole; / ti dirò qualsiasi cosa che mi passi per la mente … / sì, capita, quando, forse, non si ha più nulla da dire, / perché sai che nessuno t’ascolterà! / Ebbene, comincio, … non ti distrarre, / “ascolta”: ore 8.00 di oggi 21 … / inizio … ore 12.00 / chiusura … caffè … / ore 12.10 inizio … / ore 15.30 fine … / ore 15.40: comunicazione ripresa … del … il 10 … ore 8.00 … / ore 15.45 trasferimento in automobile da viale … a via … / ore 16.00 inizio … nella … di Via … / ore 19.45 fine …!!!!!!!!! / Sì … sono entrato in … vacanza, pure io!! / Ore 21.55 controllo Casella Posta elettronica!!!!!!!!!!!! / Ore 21.56 sguardo complice - e sofferente -, tra me e Piantina!!!!!! / Ore 21.57 Programmazione: domani, Ufficio Postale: / pagare quanto ancora non pagato: ENEL, Telecom, etc.! / Poi, in auto e, di corsa, al ... / a buttarmi su un letto / e a dormire fino a sabato!!!! / Inutile controllare la Casella di posta elettronica! / E, poi? ....... al lavoro!!!!! / Viva le formiche! Abbasso le cicale, / mentre continuo ad ascoltarle / con un po' di invidia! / A Te? / Vorrei dare un grosso bacione … e tanto … con me! / Perché? Perché, …? Tuo … / No, … , sto ancora qui: / è già il 22 del … / devo essermi addormentato e, forse, / ho già fatto tutto quel / che t’ho scritto prima! / Sì, mi sono svegliato / come ogni giorno alle ore 6.45; / ho fatto colazione, dopo aver salutato Piantina / - tristissima! -, / sai, si sente abbandonata! / M'ha “detto” che / non sopporta, dopo essere stata scelta tra tante altre, / di essere stata pure acquistata / e, poi, affidata pure a mani estranee / (le mie! … che, ora, Piantina / comunque apprezza molto, / perché la coccolano sempre!); / sì, però, dice / che Tu l’hai dimenticata! / Dev’essersi innamorata di Te, / anche lei, sai? / Io le dico che Tu sei partita, / perché avevi bisogno di riposarti / dopo un inverno molto travagliato / e tormentato dall'idea / che un tizio … come me, / conosciuto un dì per caso, / forse, ti ha creato non pochi problemi! / Ebbene, no, non ne vuol saper nulla: / si sente abbandonata / e ... dimenticata, / sì, proprio da Te! / Le ho detto che la porterò con me al … / che non la lascerò nella veranda dell’appartamento … / con la flebo … / no, non le interessa nulla, / anche se mi fa capire che, se / la lascerò in veranda, sentirà sicuramente /la mia mancanza. / Insomma, non so come consolarla. / Forse, avrebbe bisogno di un ... sorriso? / Tu che dici? … / Ma da chi? / Chissà! / Le ho confessato, sai, /che io non farei … l'amore con …, / neppure se dovessi essere lei / a pregarmi in ginocchio. / E … lei sai che mi ha detto, / oltre al ... non voler stare al sole, / e bla bla bla ... / mi ha detto che devo essere capace / anche di dir di sì e che non è giusto / prendere decisioni definitive! / Ho detto, allora, a Piantina / che deve ancora crescere, / per comprendere bene i meccanismi / che si vanno organizzando nella mente di una donna! / Lei mi ha detto: / "ma anche la donna - e l'uomo - / sono natura come me"! / Ed io le ho risposto che, sì, / ha ragione, / ma che l'uomo e la donna sono / fortemente condizionati anche dalla cultura! / Si è offesa, quando le ho detto ciò, sai? / Voltando le sue foglie, infatti, / mi ha fatto capire che anche la flora / è caratterizzata dalla cultura, dall'ambiente, / dalle condizioni particolari in cui si trova a vivere; / che anch'essa è capace di adattarsi a condizioni altre! / Etc., etc. etc. ... / Insomma, ha una bella "testolina" Piantina, sai? / L’hai scelta proprio bene! / Io, comunque, sono assolutamente convinto / - e gliel'ho pure ripetuto a Piantina! - / che … mai smetterò di amarti! / Cara …, oramai ne sono convinto: / noi - almeno noi uomini che sappiamo cosa sia l’amore - … / siamo degli scemotti / ché vi idealizziamo, / ché mai, giammai rovineremmo il significato del rapporto d’un amore. / Basterebbe ascoltare o leggere / i contenuti del 99% delle canzoni, delle poesie, dei romanzi: / Voi siete sempre lì … idealizzate e che ci incantate. / Sì, poi, c'è quell'uno, due ... cinque % che … / e, poi, ciao e saluti a casa; / una cartolina ogni tanto, / una telefonata ... tutto lì! / Ma, Voi Donne, no! / Siete … tutt'altro, Voi! / Siete … come esseri misteriosi / e … per tal ragione, affascinanti! / No, non ci credo, né posso credere che voi donne / desideriate e temiate ciò che …! / Io, comunque ... checché Tu ne pensi … ti amo … / vorrei - perché no - continuare ad amarti, / ma siccome tu non vuoi, neppure io … lo voglio; / e aggiungo: siccome tu non lo vorrai mai / - come mi hai scritto più volte, / e anche quando non ve n'era proprio un necessario bisogno! -, / neppure io lo vorrò mai! Anzi, / aggiungo che, se tu dovessi cadere, un giorno, / nella … tentazione, ebbene, ti prometto che / ti darò due schiaffetti/carezze, / per farti ricordare che tu dovrai dedicarti soltanto / a quel tuo amore vero che, / chissà in quale parte del mondo t'attende, / struggendosi, perché non riesce a trovarti! / Una cosa sola non riuscirei a perdonarti, / continuando ad amarti sempre, però: / e cioè, che tu possa aver dimenticato / o star per dimenticar Piantina /(che, oramai, fa parte della mia vita), / ché soffre troppo! E non è giusto! / Scusa un attimo ...; / mi chiama Piantina / che vibra tutta ... .... / Sai che m'ha detto? "Se non ci telefona, neppure questa mattina, / vuol dire che ...". / Le ho tappato subito … una sua fogliolina che, / come una boccuccia sta schiudendosi proprio adesso / e che già parla e sa tutto! / Sì, Piantina è magica! / Non deve, però, permettersi di dire né pensare / alcunché di errato della mia Audrey, / grazie alla quale io vedo tutto in altra maniera / anch'essa magica e punteggiata di pagliuzze d'oro / e brillanti amore da tutte le parti! / Ebbene, allora? / Adesso, comincio a caricare la mia auto e ... Un grosso bacio, / un immenso e stretto abbraccio, / una carezza, nasino contro nasino, / ciglia contro ciglia e, poi, / un bacio sulle tue candide mani … / Ah, dimenticavo, Audrey, / ti lascio un messaggio nella cassetta delle lettere, / ciao, e, chiaramente, / buone e felici vacanze … / Partì anche Quegli, quel dì, / con Piantina! / Mentre la lettera conservava frasi e schemi / che non sarebbero mai stati letti … / ne era sicuro Quegli: / “Alle mie parole … o “voce” che costringe a tacere, / oppure “silenzi”, scritti da parole / soltanto apparentemente non scritte! / Non temere, non sono in fase depressiva; / sto soltanto riflettendo, / rivolgendomi a chi vorrei che m’ascoltasse. / Ma se costei non vuole, non può, non desidera, / non sopporta più d’ascoltarmi, / per me va bene lo stesso: / con costei, per me, / è sempre tutto OK! / A volte penso: / “e se Audrey cestinasse tutto”? / Ebbene, io rispondo a me stesso: “OK! / A me andrebbe bene, anche ciò”! / Sì, mostrerei a me stesso la mia / “attività solo parziale”: / sarei, cioè, da solo a parlare e ad ascoltarmi! / Ma che importa! / No, non sono in fase depressiva, / piuttosto in fase riflessiva, / quella cioè che consente la “rinascita” / e, poi … la speranza ch’orecchio t’oda, / ch’occhio ti legga, / che mano ti tocchi, / che labbra sfiorino le tue … / sì, è … tutto! Però, / ti trasmetto il mio attuale schema mentale / (quello che, solitamente, si legge “tra le righe” dei discorsi, / delle frasi scritte o … pure … dei pensieri vaganti / e che si vanno a perdere nelle onde dell’aria / non sempre a te benevola):/ “PARLARE - SCRIVERE / parlare-scrivere, se attività parziale, / non è neppure attività / ma sol per volontà altrui / non ascoltare-non leggere, / se passività parziale, incredibile! / Non è neppure passività, / ma per propria scelta”. “ASCOLTARE - LEGGERE / attività autentica, / perché mette nella condizione di ascoltare e di leggere. / attività autentica, / perché mette nella condizione di parlare e scrivere”. / Perché ho fissato, fotografato questo schema? / Non lo so! Forse, per esercizio! / Per evitare di non pensare! E, poi? / Io curerò Piantina: / le ho trovato il posto giusto, / per evitarle “colpi di sole”. / Quando mi sono svegliato, questa mattina, / ho trovato Piantina che cercava di nascondersi / dai primi timidi raggi del Sole / che sembravano cercarla a tutti i costi. / E, mentre lei mi diceva che il Sole la importunava, / io pensavo tra me e me … / “no, è Audrey che vorrebbe donarle un sorriso. / Ma, forse … nella maniera errata”! / Poi, le ho dato un po’ di nutrimento / ed inumiditole il suo ambiente di vita. / Io, però, ho dovuto reciderle una foglia / assai invecchiata che, però, / ho deciso di conservare! / Voglio fare una prova, adesso, / visto che alle mie ultime parole “parlate” / e indirizzate a te, tu, allora, hai subito, / interrompendomi, risposto in maniera … forse troppo affrettata … / almeno per me e che così risuonano ancora: / “.. ed allora, caro, buone vacanze, / ma non mi telefonare prima di una settimana, almeno, / mi raccomando!”; / ed io: / “… non prima di quindici, venti giorni, non temere”! / Che scemo che sono! / Ho, poi, tentato di non scriverti nulla! / Non ci sono riuscito … / anche perché tu hai voluto donarmi / un pochetto della tua energia / attraverso un messaggino / a me rimasto a scaldarmi il cuore / tanto è, per me, caro. / E, così, sto qui … con te … / senza di te! / … Quale la prova di cui ti riferivo sopra / - m’illudo che Tu mi chieda- ? / Nulla, soltanto una breve serie di domande, / per sapere se sai rispondere o … no! / Quali? / Queste: / Sei ancora nel … o in …? / Ti diverti? Ti stai ricaricando di energia vitale? / A che ora ti svegli, la mattina? / Fai lunghe passeggiate? Ridi? / Qualche volta, parli a sproposito e/o ti inca z zi? / Tieni una corrispondenza con i tuoi amici? / Ti senti con qualcuno? V’è qualcuno che ti corteggia? / E, se sì, è il tipo che piace a te? / Se è lui, non fartelo scappare! OK? / Un caro abbraccio, Audrey, / ... da un uomo che non sa più cosa dire, / perché sa che il suo dire resterà un sol / parlare a sé / più che un dire, un comunicare e ... / inascoltato ...

Pubblicato il 17/11/2014 alle 20.39 nella rubrica Dal mio cassetto.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web