.
Annunci online

di Ignazio Licciardi
Non sembra vero che qualcuno si sia deciso a dichiarare che subiamo norme da dittatura! Era ora!!!
post pubblicato in Notizie ..., il 20 maggio 2010


 

Giovedì 25 Marzo, Annozero di Michele Santoro su Current (Sky canale 130)
post pubblicato in Notizie ..., il 21 marzo 2010


L'ex vicepresidente Usa ufficializza la messa in onda su Current Tv della serata organizzata da "Annozero" al Paladozza di Bologna

Talk tv, verso il Santoro day
Al Gore: "Orgogliosi di ospitarlo"

L'evento sarà trasmesso in diretta anche su Repubblica Tv


 

Talk tv, verso il Santoro day Al Gore: "Orgogliosi di ospitarlo"

ROMA - Idee nuove, persone nuove, un'informazione indipendente e soprattutto contenuti user generated, con una forte integrazione fra internet e tv. "Racconta le storie che altri non raccontano": questa in sintesi Current Tv per il suo fondatore Al Gore, l'ex vicepresidente americano e premio Nobel per la Pace, che l'ha creata nel 2005 insieme all'avvocato imprenditore Joel Hyatt. E proprio per questa ragione, dice, "siamo orgogliosi di diffondere un importante programma d'informazione come Annozero, specie nel momento in cui altri canali non lo fanno". Dunque sarà il canale italiano di Current (Sky 130) a mandare in onda, giovedì 25 marzo alle 21, Rai Perunanotte, l'evento organizzato dalla redazione del programma di Michele Santoro al Paladozza di Bologna, una risposta al "bavaglio" della Rai ai talk show nel periodo pre-elettorale. La serata andrà in diretta anche su Repubblica Tv.

La "rete d'informazione democratica, indipendente, lontana dai monopoli televisivi e senza censure" - così Gore aveva definito Current Tv nel giorno dell'inaugurazione italiana del network - ospiterà dunque l'appuntamento bolognese che sarà preceduto da una specie di spot animato dallo stesso Santoro, che da lunedì 22, su Current ma anche sugli altri canali della piattaforma Sky, lancerà il suo appello in difesa della libertà d'informazione e contro la censura della par condicio, rimandando all'atteso appuntamento bolognese.
Current, spiega Gore, "è votata all'indipendenza e al racconto fattuale, e continueremo a lavorare con il nostro pubblico e con la community creativa italiana nel proporre e produrre le più importanti storie del giorno".
Rai Perunanotte andrà in scena nello stesso giorno (il giovedì) e alla stessa ora (prima serata) di Annozero. Intenzione degli organizzatori è far sentire forte e chiaro il dissenso verso quel regolamento della par condicio che ha cancellato i talk show dai palinsesti. Ci sarà Giovanni Floris e un invito era già pronto per Bruno Vespa che però ha declinato. La serata - promossa dalla
Federazione nazionale della stampa - è ancora in costruzione. Di certo si sa che chiunque potrà trasmettere la diretta via radio o diffondere le immagini in televisione. Immagini messe a disposizione on line dalla Fnsi con una sovrapposizione di piazze: quella reale, a Bologna, e quella virtuale.

("la Repubblica", 21 marzo 2010)

«E' la stampa, bellezza, e tu non puoi farci niente!».
post pubblicato in Riflettendo su ..., il 4 settembre 2009


 

Paolo Ferrero


Prima, la querela al gruppo Repubblica-Espresso, "colpevole" di avergli posto dieci domande, dieci, sulla moralità dei suoi comportamenti privati e pubblici. Poi, quella all'Unità, e alle sue giornaliste, "colpevoli" sempre dello stesso, unico, "delitto": lesa maestà. E cioè di voler indagare e chiedere conto al premier, non tanto dei suoi vizi privati, quanto della sua assoluta mancanza di pubbliche virtù. Nel mezzo, la campagna denigratoria, volgare e offensiva condotta dal suo Giornale (di famiglia, in quanto controllato direttamente dal fratello Paolo) - dove ha richiamato in servizio Vittorio Feltri, che aveva dato il peggio di sé, in questi anni, dirigendo Libero - contro il direttore di Avvenire Dino Boffo. Campagna che è arrivata a costringere lo stesso Boffo alle dimissioni. Una campagna che aveva il chiaro obiettivo di "rimettere in riga" quella Chiesa cattolica che ha osato, in questi mesi, prendere posizioni non sempre (o, almeno, non tutte) favorevoli al governo, dal dl sicurezza ai diritti di profughi e migranti. Ecco perché, pur nella assoluta differenza di posizioni politiche e di ogni considerazione sui comportamenti personali, che non rientrano nelle nostre valutazioni, al giornale dei vescovi e al suo direttore va, oggi, la nostra piena solidarietà.
Non è una novità - e, direbbero i giornalisti, forse neppure "una notizia" - l'atteggiamento del premier nei confronti del mondo dell'informazione. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, infatti, ha sempre avuto una concezione tutta e solo "proprietaria", nel senso classico e peggiore del termine, quello ottocentesco, dei giornali e delle televisioni. Per il premier, cioè, i media o sono "i suoi" o non devono mai disturbare il manovratore. Senza voler risalire alla notte dei tempi, e cioè all'origine del suo impero mediatico (Fininvest e, poi, Mediaset) e dunque delle sue fortune, basti ricordare un dato di fatto, ormai consegnato alla storia. Berlusconi era un membro affiliato della Loggia massonica segreta P2 di Licio Gelli, che puntava a sovvertire l'ordinamento costituzionale anche (o soprattutto) attraverso il controllo para-golpista di giornali e della Rai-tv.
E il Berlusconi della Loggia P2 è lo stesso Berlusconi che, quando l'allora già "Cavaliere nero" stava per accingersi a scendere in politica, la prima cosa che fece fu di mettere in riga i giornali (e le tv) in suo possesso. Possesso, peraltro, già allora in "flagranza di reato", visto che violava le norme della legislazione antitrust.
E ' lo stesso Berlusconi che licenziò, dalla sera alla mattina, un giornalista e uno scrittore apertamente di destra ma dalla specchiata indipendenza e libertà come Indro Montanelli.
Ed è sempre lui, Berlusconi, che, tornato al potere per la seconda volta, nel quinquennio 2001-2006, una delle prime cose che fece è il famigerato "editto bulgaro" (in quanto lanciato da Sofia, capitale della Bulgaria) contro Enzo Biagi e il suo "Fatto", Michele Santoro e il suo "Anno Zero" e, persino, contro il comico e show-man Daniele Luttazzi. Oggi, tornato nuovamente al potere, Berlusconi non ci ha messo molto per ripercorre la strada a lui più congeniale. Quella dell'intimidazione e del puro ricatto. Occupata, manu militari, la Rai attraverso il controllo del suo pacchetto azionario, Commissione di Vigilanza e cda Rai, nonostante i due presidenti siano due personalità autonome come Sergio Zavoli e Paolo Garimberti, la prima mossa del governo è stata quella di porre il servizio pubblico sotto occhiuta e odiosa tutela. La campagna elettorale alle europee - che non ha solo "cancellato" la presenza della nostra lista comunista e anti-capitalista da tutti i tg e dai principali talk-show ma che mirava, anche se vi è riuscita solo in parte, a sopprimere ogni voce politica indipendente e autonoma - ne è stato l'esempio più eclatante. Poi, con le nomine del nuovo cda Rai, tutto di fedele e stretta osservanza berlusconiana con qualche spruzzatina di An, mentre l'opposizione era confinata nel ‘recinto' Tg3, siamo arrivati alla "democratura", come direbbe il professor Sartori, e cioè al regime. Un regime che non sopporta stecche né voci "fuori dal coro", come dimostra in modo tristemente lampante il Tg1. Un telegiornale che, pur forte di riconosciute e storiche professionalità, è stato ridotto a farsi megafono del premier, sfiorando spesso il ridicolo, nel dare le notizie. Notizie che il Tg1 del "trombettiere" di Berlusconi, il giornalista Augusto Minzolini, ex "retroscenista" di fiducia del premier, tratta in un modo da far rimpiangere l'Eiar di epoca fascista e che, neanche stesse confezionando, per gli ignari telespettatori, un moderno cinegiornale Luce, glorificano le imprese del novello Duce "a prescindere".
Questo abbiamo visto accadere, sotto i nostri occhi, negli ultimi mesi e settimane, quando i palesi e giganteschi conflitti tra il governo e la Chiesa sugli sbarchi dei clandestini, i casi "Papi" e D'Addario, per non dire di tutte le conflittualità sociali scoppiate nel Paese contro il mordere della crisi ma anche contro la gestione al ribasso e ‘minimal' che ne fa il governo, sono stati derubricati a piccoli incidenti. Resta, volendo, il Tg3, ma anche lì si vive sotto costante e continua minaccia, da parte di un premier che ha eletto i suoi redattori a principale bersaglio.
Cosa dobbiamo aspettarci, ancora? Le minacce dirette, a livello fisico, dei giornalisti che ancora osano porre domande scomode, al premier? Speriamo di no ma l'emergenza democratica, oggi in Italia, è emergenza informazione. Ecco perché abbiamo deciso da subito, come Rifondazione comunista, di aderire all'appello promosso dall'associazione di giornalisti "Articolo 21", associazione - e sito omonimo (www.articolo21.info) già meritoria per mille motivi, a partire dalla campagna giustamente rigorosa e costante che svolge su un dato altamente drammatico, le morti sul lavoro. Ecco perché, nel pieno rispetto della libertà di tutti gli organi d'informazione, di tutti i giornalisti italiani e del loro autonomo e libero sindacato, la Fnsi, saremo al loro fianco, sabato 19 settembre, in questa battaglia fondamentale, decisiva fatta per avere un'informazione veramente libera.
Al premier Berlusconi, quel giorno, diremo, con tutto il fiato che abbiamo in gola, una frase molto semplice. Quella che è diventata un'icona per ogni giornalista e che viene pronunciata da Humprey Bogart in un film degli anni Trenta, L'ultima minaccia
. Film dove il personaggio-giornalista Bogart fa sentire il rumore delle rotative del giornale in stampa al padrone che cerca di mettere le "mani sulla città" e controllare tutti i giornali, e gli urla: «E' la stampa, bellezza, e tu non puoi farci niente!».


"Liberazione", 04/09/2009

«E' la stampa, bellezza, e tu non puoi farci niente!».

«E' la stampa, bellezza, e tu non puoi farci niente!».

Sfoglia aprile        giugno
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv