.
Annunci online

di Ignazio Licciardi
L'Italia soccombe, se ... si continua a non governare il Paese!
post pubblicato in Riflettendo su ..., il 4 dicembre 2010


De Rita: «Con Berlusconi finisce l'era del soggettivismo»
 
Censis: Italia piatta
«Welfare insufficiente»
 

Beatrice Macchia


L'Italia regge con fatica la crisi ma diventa psichicamente fragile giorno dopo giorno, aggressiva, egoista, cinica, rassegnata, slegata dai momenti alti della sua storia. Piatta.
E' insomma «una società insicura della sua sostanza umana» quella descritta dal 44mo rapporto Censis, un pessimismo che certamente non è nuovo; e gli italiani hanno perso la categoria del desiderio, appagati come sono da un consumismo vuoto che ha eliminato il valore della legge morale.

Sono anche finiti i tempi del leader carismatico alla Berlusconi, che il presidente Giuseppe De Rita indica come l'ultima e stanca incarnazione del «soggettivismo»: ormai il 71% degli italiani pensa che dare maggiori poteri al premier non è la ricetta per dare vigore ad un Paese che fatica a ripartire, schiacciato dal debito pubblico e da un'evasione fiscale da 100 miliardi l'anno, ed un'economia sommersa che incide per il 17,6% sul Pil.
Sono, come sempre, le famiglie ad attutire le mancanze del welfare, mentre la ripresa dell'economia stenta a dare i suoi frutti perché l'autoimprenditorialità, per il Censis chiave della crescita, è diminuita del 7,6%. L'Italia è ancora la quinta potenza industriale del mondo, ma il suo tasso di crescita nel periodo 2000-2009 è stato più basso che in Germania, Francia e Regno Unito. Il made in Italy, basato sulla specializzazione dei prodotti tessili, del design e delle calzature, ha perso lo 0,3% su base mondiale.
Il Censis sottolinea che l'arretratezza deriva anche dallo scarso ricorso a orari flessibili, diversamente dagli altri Paesi europei. Soprattutto, e anche questa è una tendenza che ci distanzia dall'Europa, sono ancora poche le aziende che prevedono la partecipazione negli utili degli operai.
La disoccupazione è diventata una realtà per 574mila persone dall'inizio della crisi nel 2008, ed è calato anche il numero delle imprese (soltanto nel manifattutiero hanno chiuso 93mila unità), mentre l'intero sistema Italia ha perso 5,5% del suo valore aggiunto. Anche il commercio soffre: -9,5%. Il dato forse più preoccupante è la quota di giovani tra i 15 e i 34 anni che non studiano né lavorano e non cercano un impiego: 2.242.000. Anche perché, per loro stessa ammissione - svela un'inchiesta del Censis - a volte rifiutano mansioni faticose o di scarso prestigio.
La crisi apre le porte all'economia illegale: non solo è tornato massicciamente il vecchio contrabbando, ma il peso delle mafie non accenna a diminuire: il 41,8% delle amministrazioni comunali di Campania, Puglia, Sicilia e Calabria presentano legami con la criminalità organizzata, e questo coinvolge il 22% della popolazione italiana.
In generale la situazione economica ha fatto sprofondare gli italiani nella sfiducia, spingendoli verso investimenti improduttivi come il mattone, la liquidità, le polizze. Il welfare non copre le esigenze, e il 91% dei disoccupati di famiglie monoreddito sono condannati alla povertà, contro il 55% della Spagna e il 75% del Regno Unito.
Secondo i dati del Censis, gli italiani sarebbero disposti a pagare addirittura più tasse se in cambio potessero godere di servizi importanti come una sanità migliore e gli asili nido, ma anche un aiuto statale in caso di indigenza come accade in moltissimi Paesi europei (il famoso reddito minimo garantito).
Le tasche sono quasi vuote, e dunque si compra di meno: il 51% ha eliminato le spese inutili, il 24% invece ha tagliato su servizi e prodotti comunque essenzuali. I tagli ai servizi pubblici, come alla scuola, hanno obbligato il 53,1% degli istituti a chiedere un contributo volontario alle famiglie: si tratta, in media, di 16 euro alle elementari fino agli oltre 80 euro nelle scuole superiori. E tuttavia esistono presidi che chiedono anche 250 euro ad ogni studente per garantire la continuità didattica. Nel complesso, e facendo i calcoli dell'aumento delle tariffe, le famiglie l'anno venturo dovranno sborsare 1000 euro in più. Non è poco, di questi tempi. E nessuno sembra venire in aiuto.

De Rita incombe con il suo monito: non saranno questi leader politici a salvarci dall'abisso.


"Liberazione", 04/12/2010

 

Da chi è deciso l'habitat dell'uomo del nostro tempo?
post pubblicato in Riflettendo su ..., il 1 giugno 2010


"E' successo qualcosa alla città", manuale di antropologia urbana
a cura di Paolo Barberi

 
Spontanee, affollate, disordinate
Le megalopoli "informali" del futuro
 

Tonino Bucci

Chiamarlo animale simbolico non basta più, l'essere umano sta per trasformarsi definitivamente in animale urbano . Aristotele, in fondo, c'era andato molto vicino con la sua definizione di «uomo» come «animale politico», non foss'altro perché destinato a vivere in uno spazio sociale, nella città greca, la polis per l'appunto. Per la gran parte gli esseri umani che vivono sulla faccia di questa terra, risiedono in città diventate metropoli, anzi megalopoli, in continua crescita perdipiù. E' la città il nostro mondo artificiale , una sorta di seconda natura che però ci avvolge come una natura prima e immediata. In questi anni, per la prima volta nella storia del genere umano, la popolazione del pianeta che vive nelle città è diventata maggioranza rispetto a quella residente nelle campagne. In queste megalopoli, diffuse soprattutto nei cosiddetti paesi in via di sviluppo, ci abitavano nel 2001 921 milioni di persone. Nel 2005 hanno toccato quota un miliardo. Tra dieci anni si calcola che a vivere negli slum saranno un miliardo e 400 milioni di esseri umani. Insomma, stando alle ricerche dell'Onu, ben oltre un quarto della popolazione mondiale sarà destinata a vivere in baraccopoli.
Ma non è solo per quantità che il fenomeno impressiona. Oltre ai numeri c'è la qualità di un cambiamento che accade sotto i nostri occhi e che pure si fatica a riportare sotto teorie e modelli. Il problema metodologico non sfugge al gruppo di studiosi autore di E' successo qualcosa alla città , un manuale di antropologia urbana pubblicato di recente da Donzelli (a cura di Paolo Barberi, pp.260, euro 24).
Lo spazio fisico delle città, oggi, è molto di più di una grandezza quantitativa, molto più di una questione tecnica da lasciare in mano a specialisti dell'ingegneria e dell'architettura. Nel senso che anche quella che nelle metropoli appare una dimensione tangibile - gli edifici, le piazze, le vie, i vuoti e i pieni - è piuttosto un universo culturale, un agglomerato complicato di «segni», uno specchio in cui si riflettono stili di vita, sottoculture, processi economici - a tal punto che sociologi e antropologi non se ne possono disinteressare. «Si è sviluppato all'interno delle scienze sociali contemporanee un ambito teorico, in cui confluiscono numerose discipline, che privilegia lo spazio come unità di analisi e può essere definito come la spazializzazione della teoria sociale ».
Se questi sono i problemi di metodo, ancora più complicato è il passaggio all'atto pratico. Come si può mappare un fenomeno che per sua natura sfugge a ogni ordine come quello delle megalopoli contemporanee? « Sprawl , parola introdotta negli Usa per indicare la rapida e disordinata crescita urbana della periferia americana (il cui eloquente significato letterario è "sdraiato"), è un fenomeno che ha acceso l'immaginazione di urbanisti, architetti e ricercatori della città», in generale di chiunque voglia provare a dare un nome e una definizione all'entropia urbana del nostro tempo. Intorno alle città, in alcuni casi anche dentro di esse, crescono senza ordine agglomerati frammentati che riflettono gli stili di vita di coloro che ci abitano: «predisposizione a elevati consumi», «alta propensione agli spostamenti», «accelerazione dei ritmi quotidiani». Ma se lo sprawl è il fenomeno urbano made in Usa, il modello occidentale di città che crescono all'insegna della deregulation urbanistica, ben altro accade nel resto del mondo. «Stiamo assistendo - scrivono Paolo Barberi e Federico Mento - a un fenomeno totalmente nuovo: il primato della città informale, una città totalmente spontanea. Dove cioè non accade che vengano spinte al limite le regole del gioco, ma semplicemente le regole, almeno per come le conosciamo attraverso i lineamenti che i teorici hanno tentato di assegnare loro nel tentativo di descrivere la città, non esistono più». Non c'è da farsi illusioni, scrivono gli urbanisti: gli effetti di questa entropia accelerata non tarderanno a farsi sentire anche nei paesi tecnologicamente avanzata. A tramontare è l'utopia rinascimentale della città ideale, l'idea che dalle geometrie mentali degli architetti possano nascere spazi urbani ordinati e a misura d'uomo, tramontata. Al posto di quell'utopia subentrano gli slum , città che si sviluppano orizzontalmente «ni una distesa opaca di lamiere e materiali di scarto».
Nel 2003 Un-Habitat, il programma delle Nazioni Unite sull'insediamento umano, diede alle stampe un rapporto globale, The Challenge of Slum , il più «grosso sforzo congiunto di un'organizzazione internazionale di mappare l'urbanizzazione spontanea nel mondo e le condizioni di povertà di chi ci vive». Lo slum, ovvero l'insediamento urbano informale, è caratterizzato da inadeguato accesso all'acqua e ai servizi igienici, dalla povertà strutturale delle abitazioni, dal sovraffollamento e dall'insicurezza residenziale. Tra i principali slum nel mondo spiccano - stando ai dati che risalgono a cinque anni fa - quelli di El Sur/Ciudad Bolivar a Bogotà (oltre ventuno milioni di abitanti) e di Neza/Itza a Città del Messico (oltre dodici milioni di persone). «L'Etiopia detiene, insieme al Ciad, il record per la più alta percentuale di abitanti in baraccopoli, che ammonta alla strabiliante percentuale del 99,4 della polazione urbana, seguita dall'Afghanistan (98,5 per cento) e dal Nepal (92 per cento). Bombay si aggiudica il ruolo di capitale mondiale degli slum (10-12 milioni tra occupanti abusivi e abitanti di alloggi informali), davanti a Città del Messico e Dhaka (9-10 milioni), e a seguire Lagos, Il Cairo, Karachi, Kinshasa, San Paolo, Shangai e Delhi (6-8 milioni)». Ma gli slum sono tutt'altro che facili da misurare con le statistiche. Sono strutture urbane che si sviluppano in modo mutevole, a volte verso l'esterno, nelle periferie, altre volte in direzione contraria.
«Sebbene a livello mondiale sia chiaramente dimostrata la tendenza a espellere i più poveri dalle zone centrali che si riversano in periferia ad alto tasso di edilizia informale, esiste anche il fenomeno contrario». A volte sono i ceti medio-alti che abbandonano il centro dal nobile passato, «consegnandolo alle masse più disagiate, per raggiungere le cosiddette enclave, spazi protetti ed esclusivi ai margini del tessuto urbano». E' accaduto, per esempio, a San Paolo o nelle zone della Lima coloniale. Interi rioni un tempo borghesi si sono trasformati in slum. Le campagne della paura, soprattutto negli Usa, hanno fomentato un esodo dei ceti alti dalle zone centrali verso la periferia, verso nuove città-fortezza, sorvegliate a vista da poliziotti privati. «Le immagini di scontri tra gang, di sequestri di stupefacenti, di degrado sociale, di saccheggi inarrestabili, di crudeli omicidi, hanno per anni attraversato le produzioni hollywoodiane, i serial tv, i notiziari locali e nazionali».
Altrove, invece, si assiste alla reinvenzione di intere città dal nulla e con materiali improvvisati. «Spazi temporaneamente occupati, dormitori di fortuna ricavati, creative superfetazioni di baraccopoli». E' il caso degli «uomini ingabbiati» di Hong Kong, individui costretti a recintare il giaciglio con una rete metallica per evitare il furto dei propri miseri averi. A Phnom Phen un abitante su dieci vive per aria, sui tetti. Secondo le stime sarebbero un milione e mezzo. Bombay, invece, ospita la più grande popolazione di «abitanti del marciapiede», circa un milione di individui. Ma il primato della fantasia va agli abitanti di El'arafa, la «città dei morti» del Cairo. Uno slum improvvisato tra le tombe nel quale vive un milione di persone.


"Liberazione", 01/06/2010

Sfoglia novembre        gennaio
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv