.
Annunci online

di Ignazio Licciardi
Una Poesia ... dai colori grigi. I,3.
post pubblicato in Dal mio cassetto, il 6 dicembre 2014


3. E … mi rivedo, così … in un interno d’appartamento

… e trascorsi son tant’anni e più,
e non mi resta che pensare,
sulla via del ritorno
giammai desiderato né voluto,
… al futuro
che, privo d’altro figlio,
è rimasto dietro alle spalle mie
… al di là di quella boa che io
pensavo di sorpassar e andarvi oltre
come Ulisse con Colonne d’Eracle.

Mi volto indietro, ogni tanto,
e m’immergo nel racconto d’una vita vissuta,
o da viver ancora
o sol sognata
o da sognar sempre;
e la barca,
… sospinta da onda divenuta carezzevole, tenera e docile
e … d’uno strano sapore non più salmastro
che non m’attrae,
m’appare … benevola …
quasi non voglia più farmi … alcun male.

Eppur la corsa …
rapida in principio era stata,
perché dal desiderio sospinta e accelerata;
ma ora diveniva … lenta,
infinitamente lenta e …vuota
e solitaria
e a tal punto che tutto sembrava esser già accaduto
… anche ciò che percorrevo
o forse calpestavo di nuovo …
nel ricordo d’un tempo.

Ed ora è lento il tempo
e angusti gli spazi,
ma rapidissimi
pur nel loro fingersi ancora accoglienti,
ma tali … che sembrano vestirsi di sempre più probabile fine
che potrebbe accadere …
e per sempre,
mentr’io sfiancato
resto su … fondo di selvaggia barca
che riconosco appena
e che è pur la mia …
quella d’un tempo …
popolati, una volta,
la barca ed il tempo miei,
e da voci e da calpestii
e da sguardi …
innocenti non sempre,
e da mani
che, incrociandosi,
intrecciandosi per casuali
o, per lo più, voluti e disiati incontri di dita,
confessavano tutto … le une alle altre
e … attendevan comando di ancor lontana e possibil estasi
per dar vita a lotta gioiosa,
giocosa,
frenetica
e … dolcemente folle.

Ed or … il sonno,
la spossatezza
mi cercano,
e pur le amiche,
ma nulla e nessun io voglio,
nessuno più
come amico od amica,
a me accanto.
Non voglio più,
ancora una volta, esser ucciso
prima ancor del vero morir
prima dell’attimo
che tutto mi toglierà,
e forse … anche il ricordo
e, con esso, il desiderio di guardar indietro
per l’ultima volta,
di veder scomparir boa
che andava, però,
sorpassata e non aggirata
né corteggiata
dopo esser stata da me
tanto anelata e ricercata
… per scorger, oggi, essa …soltanto annullata
da innalzarsi dell’onda,
dal calarsi e dall’ergersi d’un legno inzuppato,
o da lontananza che aumenta
e … a dismisura,
rispetto a quel che un dì … io cercavo,
per cui verso la boa correvo.
Ma io non sapevo che superarla avrei dovuto …

E … mi rivedo, così …
in un interno d’appartamento
… a riveder che cosa?
Fotogrammi d’una vita intera
... e una macchina fotografica
che vuol che rollino le ficchi dentro
ché vuol trascinarmi …
di nuovo per via,
controcorrente,
perch’io riprovi ad oltrepassar la boa
che … invece, un giorno abbracciai, ahimé!

Ma stessa strada mi mostrò
e ripropose
piena di ricordi
e di mancata continua avventura.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia colori grigi danza

permalink | inviato da Notes-bloc il 6/12/2014 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia novembre        marzo
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv